Palla Miofasciale

palla massaggio miofasciale, myofascial ball

La Palla Miofasciale è una palla di dimensione, durezza e materiale, appositamente studiati per poter eseguire da soli un massaggio muscolo-fasciale. E’ disponibile in più diametri, minore è la circonferenza e più pressione si riesce ad esercitare in una zona precisa. Altre caratteristiche:

  • il peso, leggermente maggiorato rispetto alle palle standard, la rende più stabile nelle rotazioni ed in questo modo riusciamo a spostarci sopra di essa in maniera molto precisa e con movimenti anche molto piccoli
  • la superficie è antiscivolo
  • la palla è dotata di valvola per il gonfiaggio e ciò è utile per poter regolare la pressione (e quindi durezza) a nostro piacimento

A cosa serve:

Con le palle possiamo eseguire da soli un massaggio dei tessuti a scopo terapeutico, preventivo o riabilitativo.

Gli esercizi sulle palle sono ottimi per la prevenzione di infortuni nella pratica sportiva e di dolori nella vita quotidiana come torcicollo, mal di schiena, problemi causati da gesta ripetitive compiute nell’arco della giornata, dolori alla spalla, ecc. Ricordiamo, ad esempio, che il programma minimo per la prevenzione della lombalgia prevede esercizi per aumentare l’elasticità della schiena, il tono dei muscoli addominali e dei quadricipiti.

Gli sportivi le utilizzano per migliorare la flessibilità e contemporaneamente incrementare le prestazioni.

L’esercizio aiuta a rassodare addome, glutei e gambe. Utilizzata per massaggiare i glutei è un valido aiuto per combattere la cellulite.(riguardo la cellulite è utile la lettura del seguente articolo:(PDF 26 Kb ) L automassaggio miofasciale influenza la rigenerazione dei tessuti e la cellulite

Utile per massaggiare la zona del piriforme (vedi foto) spesso causa di dolore soprattutto a podisti, marciatori, ginnasti, ciclisti e chi rimane molte ore seduto durante il giorno.

L’esercizio costante dona uno stato di benessere generale.

Utilizzo:

In altre parti del mondo le tecniche di auto-massaggio e di rilascio miofasciale con l’utilizzo delle palle sono presenti da molti anni ed hanno ottenuto una larga approvazione da chi ne insegna la tecnica e da chi la impara.Nel nostro paese si stanno lentamente diffondendo.

palla bodyrolling

 

myofascial ball

 

Dove sono già utilizzate ed a chi ne è consigliato l’uso:

Pilates: il Pilates non prevede uno schema fisso di esercizi o insegnamenti. Molti istruttori hanno personalizzato un po’ la tecnica inserendo sempre più esercizi o strumenti (ad es° la palla ed il foamroller) cercando di completare i programmi di allenamento con esercizi che portano ad impegnare il corpo su piani combinati di movimento.

Prevenzione dell’ Osteoporosi: l’osteoporosi è una malattia che colpisce le ossa e le rende porose cioè più fragili e soggette a rottura. Purtroppo per molte persone i sintomi premonitori sono le conseguenze cioè una frattura oppure uno schiacciamento vertebrale. I fattori di rischio sono la predisposizione ereditaria ( avere altri casi in famiglia), cattive abitudini alimentari con carenza di assunzione di calcio e vitamina D, mancanza attività fisica e vita all’aperto.

L’osso è un tessuto vivo che si modifica continuamente e continuamente si ripara. Ogni anno circa il 10% della nostra massa ossea viene rinnovata. Lo scheletro risponde all’esercizio fisico, alla sollecitazione muscolare e alla forza di gravità rafforzandosi; viceversa si indebolisce. L’attività con le palle può essere di aiuto nella prevenzione di problematiche di origine ossea, proprio perchè va a stimolare direttamente le ossa.

Ginnastica Posturale:– postura: è la posizione assunta dal nostro corpo nello spazio, il modo di essere e di relazionarsi con ciò che ci circonda. La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa, determinato da stress, traumi fisici ed emotivi, posizioni mantenute scorrettamente in ambito professionale, respirazione scorretta, squilibri derivati da una scorretta alimentazione, ecc. Postura non è l’immagine di “come teniamo il corpo quando siamo fermi”, ma il risultato di come muoviamo il nostro corpo considerandolo nell’insieme.

Recupero e miglioramento della coordinazione motoria: per coordinazione motoria si intende la capacità di produrre una sequenza fluida ed armoniosa di movimenti nella maniera più efficace. Apprendere un nuovo movimento, controllarlo e regolarlo, adattarlo e trasformarlo in base alle necessità, sono attitudini parte della coordinazione motoria generale.

Allenamento del Core (core ability=core strenght + core stability) :
Contemporaneamente al massaggio ed all’allenamento propriocettivo contribuiamo, con l’esercizio costante, a rinforzare la muscolatura del “CORE” (si pronuncia…”koor”) , la zona centrale del movimento umano, il centro funzionale del corpo, responsabile della trasmissione di energia dalle grosse masse corporee alle più piccole e periferiche.

Powerhouse è la definizione di J. Pilates di quella che oggi è considerata la zona del core. Il Core non è una precisa entità definita anatomicamente, comunque coinvolge i muscoli tra spalle e bacino; in termini generali i muscoli del Core sono la muscolatura addominale e la parte bassa della schiena e la loro funzione è principalmente quella di trasferimento o passaggio della forza dalla parte inferiore a quella superiore del corpo.

Il concetto del ” core ” è molto importante, ma molto vasto, e non possiamo trattare qui in poche righe. Possiamo semplicemente dire che essendo costituito da muscoli “centrali” del nostro corpo, un “Core” o “Centro” forte consente di stabilizzarci efficacemente, esprimendo più forza. La stabilità è l’abilità di controllare la forza ed il movimento. La stabilità del Core garantisce un potente aggancio tra la forza della parte inferiore del corpo e quella superiore. Tanta più potenza è utilizzata agli estremi (sia mani che piedi) tanta più è la richiesta di stabilità della zona centrale.

Allenare il Core significa anche allenare la colonna e il bacino per controllare le situazioni instabili.
Se il Core è debole, i nostri movimenti saranno inefficienti e poveri di energia, possono insorgere lombalgie e le attività quotidiane e sportive possono risentirne in termini di prestazione. In ambito sportivo l’allenamento del “CORE” permette ai muscoli periferici di generare potenza, diminuendo il rischio di infortuni. E’ particolarmente importante soprattutto negli sport dove si verificano traiettorie circolari, cambi di direzione, molte torsioni e si verificano accelerazioni fulminee e brusche decelerazioni . Quindi CORE è tutt’altro che avere semplicemente dei ” bei addominali scolpiti”.

Allenamento funzionale: si lavora molto sulla propriocezione, sul core e consapevolezza di ciò che si fa, ricerca della miglior qualità nel movimento, reattività e forza esplosiva. L’allenamento funzionale prevede il coinvolgimento di più catene muscolari insieme lavorando nei tre piani di movimento nello spazio. Si riacquisisce la consapevolezza del corpo per raggiungere livelli elevati di efficienza fisica ri-apprendendo i movimenti naturali, composti da sequenze fluide ed omogenee.

I muscoli, i tendini, le articolazioni del nostro corpo non sono stati creati per funzionare in modo isolato: si stanno già vedendo in alcuni centri attrezzature che propongono l’allenamento simultaneo di più catene muscolari a differenza di altri in cui si continua a lavorare sul singolo muscolo.

Ginnastica dolce: attività fisica caratterizzata dalla bassa intensità con movimenti lenti e graduali in modo da non impegnare il fisico con eccessivi sforzi. E’ indicata per persone sedentarie, anziani, chi ha problemi di tipo ortopedico o è in fase di riabilitazione, per chi vuole scaricare dolcemente stress e tensioni. Purtroppo persone molto anziane le cui funzioni fisiche si sono con gli anni affievolite, non riescono ad eseguire molti degli esercizi sulle palle, spesso risulta difficile il solo stendersi a terra. Il più semplice esercizio che abbiamo visto fare in molti centri anziani è un semplice passaggio di palla di mano in mano, anche da seduti. Un diametro ridotto e la superficie antiscivolo della palla favorisce l’esecuzione dell’esercizio.

Yoga e Stretching: esercizi di allungamento statico e dinamico. Con le palle ed un po’ di teoria, riusciamo a mettere in allungamento molte zone del corpo. Anche nei corsi di yoga, in cui da sempre fanno da padrone gli esercizi a corpo libero, le palle sono state introdotte con successo da molti insegnanti.

Propedeutica e bambini: la propedeutica comprende l’insieme delle attività che permettono al bambino di avvicinarsi allo sport, in modo facile, divertente, stimolante, coinvolgente, appassionante. Fin da piccoli le palle esercitano un certo fascino nel bambino.

 

palla miofasciale

Link per l’acquisto:

https://miofasciale.com/negozio-miofasciale/Palla-Miofasciale-Kit-3-Pezzi-p136757418

 

Cosa ne pensi? Lascia la tua Idea