Settembre: con la scuola iniziano le attività sportive tra cui i corsi di minitennis per bambini 5-10 anni

minitennis, corsi tennis, scuola tennis, bambini, insegnamento, attività motoria

…un piccolo pensiero tratto da una frase di Magic Johnson, ex cestista statunitense, considerato uno dei più grandi giocatori della storia di questo sport:

credere nei bambini

Citazione Magic Johnson

Propedeutica

La propedeutica di una disciplina comprende l’insieme delle attività che permettono al bambino di avvicinarsi al suo sport con una serie di attività in grado di rendere il passo successivo, semplice, piacevole, divertente, facile, immediato. Con la propedeutica si crea nel bambino attenzione e motivazione, caratteristiche fondamentali per creare la passione verso lo sport praticato.

Il Minitennis

La propedeutica è la strada da percorrere con i bambini per introdurli al tennis. Considerato che in Italia l’educazione motoria alla scuola materna ed elementare non è mediamente al passo degli altri paesi europei, spesso i bambini devono acquisire proprio durante i corsi di Minitennis le qualità di coordinazione che ancora non hanno. Durante le lezioni vengono naturalmente inseriti giochi e gare in cui si sviluppano caratteristiche motorie quali agilità, rapidità,concentrazione, coordinazione. Una formazione motoria globale consente di adattarsi a ogni situazione proposta per cui il Minitennis può essere utile anche per chi in futuro decida di scegliere un altro sport, come l’atletica, pallavolo, calcio ecc

Il Minitennis è lo strumento didattico piu’ efficace e riconosciuto per l’avviamento al tennis dei bambini dai 5 ai 10 anni.
Il Minitennis ha sostituito quell’insegnamento standard di un tempo in cui il maestro metteva assieme un gruppo di 5 o 6 bambini, li disponeva su più file, dava qualche indicazione tecnica generale sul colpo da eseguire e poi via con il cesto, un colpo dietro l’altro e istruzioni del tutto inutili come “apri, chiudi, piegati, bravo! I bambini si distraevano in attesa di tirare il loro colpo, si annoiavano presto perchè gli esercizi erano sempre gli stessi.

Soprattutto i più giovani, 5-6-7 anni, imparano imitando e copiando dal maestro o dal compagno, più che ascoltando le spiegazioni. A questa età hanno ancora grosse difficoltà nell’eseguire movimenti con precisione e si stancano presto. Esplorano tutto ciò che gli sta intorno ed adorano qualsiasi attrezzo di forma o colore messo in campo per eseguire percorsi, salti, correre, colpire. Con il Minitennis il tipo di approccio verso il bambino è di tipo olistico, cioè globale, pratico, comprensibile e divertente. Già dalle prime lezioni non si fa tecnica fine a se stessa , ma la si associa alla tattica e l’allievo, divertendosi, utilizza i suoi mezzi per risolvere le varie situazioni createsi.

Minitennis e salute:
con il Minitennis è stato fatto un passo avanti nell’eliminare vecchi pregiudizi come ad esempio “Mio figlio è troppo piccolo per giocare a tennis ” oppure “ Il tennis è uno sport asimmetrico ed il pediatra o l’ortopedico sconsigliano quest’attività ” . Così i bambini venivano e vengono tutt’ora dirottati verso altri sport quali il nuoto . Ma cosa ne sanno ortopedici e pediatri delle misure e sistemi adottati oggi nei nuovi programmi di addestramento tennis? “ Niente, purtroppo. Bisogna iniziare a spiegare loro come stanno le cose. Ai genitori si spiega quali sono le misure adottate, si fanno vedere le mini-racchette, le palline morbide, si espongono i programmi.

Quali capacità sviluppa il Minitennis?
Dal punto di vista motorio aiuta ad acquisire un’ottima coordinazione. Durante il gioco intervengono sia le capacità aerobiche, come la resistenza, sia quelle anaerobiche, come la velocità. Il gioco del tennis ha un forte impatto psicologico sul bambino che in alcune situazioni riesce ad esprimere il meglio di sé. Pur essendo uno sport individuale durante le lezioni di Minitennis si svolgono attività di gruppo, nascono nuove amicizie, si compete, si socializza, si impara ad essere corretti nel comportamento con l’istruttore ed i compagni, si impara a perdere ed a vincere.

Obiettivi:
I bambini vengono accompagnati dal maestro a perseguire i seguenti obiettivi:

-apprendere le regole del gioco per la formazione dello spirito sportivo
-familiarizzare con spazi , attrezzi e compagni
-acquisire e sviluppare le capacità coordinative, percettive, spazio-temporali, tecnico-tattiche, tattiche-strategiche
(Per strategia,si intende la capacità del giocatore di interpretare la gara in funzione delle proprie caratteristiche ed in relazione alle caratteristiche dell’avversario)
-incrementare la mobilità e la flessibilità articolare
-acquisire dimestichezza con la racchetta, con la palla/racchetta , con le tecniche di base

Attrezzature:
Con il Minitennis le attrezzature sono adeguate al bambino. Se vogliamo far apprendere ai bambini gli aspetti coordinativi, tecnico-tattici e spazio-temporali le attrezzature devono rispettare le proporzioni dei giocatori. Ci sono alcune impostazioni da seguire :

Racchette:
La scelta della racchetta e’ molto delicata. Si consiglia di non andare in un negozio senza conoscere con precisione il formato di racchetta da acquistare; il maestro generalmente vi può indicare il modello più adatto. Wilson, Head, Babolat, sono i marchi più famosi.

Palle :
si utilizzano tre/quattro tipi di palle in base all’eta’ e livello di gioco del bambino:
palla in spugna, maggiorata nel diametro, morbida ed ovviamente lenta: (eta’ 4-6 anni)

palla depressurizzata e maggiorata nel diametro con velocità del 75% inferiore rispetto la tradizionale: stage 3 (red) (6-7 anni)

palla depressurizzata con velocità del 50% inferiore rispetto la tradizionale: stage 2 (arancione) (6-8 anni)

palla depressurizzata con velocità del 25% inferiore rispetto la tradizionale: stage 1 (verde o mid) : (8-10 anni)

Reti portatili, altezza della rete
Generalmente ne troviamo di lunghezza 3,2 metri o  6 metri.
L’altezza in alcuni modelli è variabile in altri è fissa. Si parte dai 50 cm e si arriva a 85cm.

Dimensioni dei campi:

L’area di gioco è stata ridimensionata in base al livello/età bambino creando “minicampi” di lunghezza e larghezza ridotte.

L’approcio al Tennis per gli adulti può passare attraverso una prima fase in cui si utilizzano gli stessi strumenti e concetti del Minitennis.

Il prossimo (se non visibile) è un link ad un Twitter, minitennis moment:

*********

Con più di un milione di Italiani che dichiarano di praticarlo, il tennis è uno degli sport più popolari in Italia. Il quarto per numero di tesserati (~ 250.000)
E’ stato definito lo Sport per Tutta la Vita.
Non ci sono dubbi che il Tennis possa favorire e mantenere nel tempo il fisico e la mente in buona salute.

Vediamo quali sono i principali benefici del Tennis, giocato regolarmente:

– Attività aerobica: si bruciano i grassi mantenendo allenato il sistema cardio circolatorio e respiratorio.
Un giocatore medio durante una partita percorre 4-8 km e brucia più di 600 calorie all’ora.
– Attività anaerobica: brevi ed intensi scatti in tutte le direzioni richiedono molto ossigeno. Ponendo l’organismo in debito di ossigeno si sviluppa soprattutto un’eccellente condizione di forza muscolare.
– Si migliora la coordinazione oculo-motoria e generale, la forza esplosiva, il bilanciamento e l’equilibrio, il tono muscolare.
– I continui allungamenti effettuati ad ogni scambio migliorano la flessibilità.
– Come in molti altri sport anche con il tennis si rafforza il sistema immunitario
– Migliora la densità ossea, molto importante soprattutto per l’età avanzata (osteoporosi)
– Permette di scaricare lo stress e le tensioni accumulate a causa di lavoro ed altro.
– Il tennis è un’ottima attività per socializzare e fare nuove amicizie
– Con il Tennis si compete, si vince, si perde, si gioca fino a 4 giocatori nello stesso campo
– Migliora la capacità di attenzione e concentrazione
– Migliora l’autostima

Hai già letto questo ? ” Perchè ai bambini piace fare sport

Cosa ne pensi? Lascia la tua Idea